Come Svolgere l’attività di Network Marketing Part Time

Se hai già un lavoro da dipendente ma stai anche lavorando nel network marketing a tempo parziale, ti sarai accorto/a di quanto sia difficile svolgere due lavori.

In questo articolo ti svelerò alcune delle migliori strategie e trucchi affinchè tu possa trovare il giusto equilibrio tra le due attività.

Sei pronto? Iniziamo!

L’illusione iniziale

Quante volte hai sentito ai seminari aziendali che il network marketing è un’ottima opportunità per arrotondare lo stipendio? Che tutti hanno iniziato a fare network marketing part time e poi è diventato il loro lavoro principale?

Inizi con guadagnare poco, 100-200 euro i primi mesi, poi mese dopo mese cresci. Quando gli introiti dal tuo network raggiungono o superano quelli della tua attività principale abbandoni quest’ultima e ti dedichi al multilevel marketing a tempo pieno.

Sounds good! Dicono gli americani.

Peccato che spesso e volentieri le cose non vanno come te le hanno dette. Non che ciò non sia vero. Ci sono numerosi casi di persone partite con l’intenzione di fare solo network marketing part time, le quali sono state in grado di costruire e gestire reti di centinaia o migliaia di collaboratori, di conseguenza sono diventati dei networker a tempo pieno.

Queste persone però non sono dei “comuni mortali”, è una categoria di network marketer che io ammiro moltissimo perchè loro: 

  • Sanno che cosa realmente vogliono
  • Hanno una buona gestione del tempo
  • Sono disposti a fare dei sacrifici
  • Hanno voglia di studiare ed imparare dai migliori del settore.
  • Sono perseveranti

L’errore più grande che puoi fare se lavori nel network marketing part time…

Ti racconto la storia di Angelo, uno dei miei collaboratori nel lontano 2010. Angelo era un amico che conoscevo da diversi anni, lavorava da un anno come trainer in una palestra.

Il lavoro gli piaceva ma non era retribuito bene, inoltre lui e la sua ragazza avevano intenzione di andare a vivere insieme e quindi pensavano ad un mutuo.

Essendo un mio amico, il suo nome ovviamente si trovava nella mia lista nomi (come mi insegnava il mio sponsor), così un bel giorno decisi di invitarlo ad una presentazione aziendale.

Il business gli era piaciuto, lo attirava soprattutto l’idea di iniziare un’attività senza avere orari prefissati, proprio perchè lui già faceva parecchie ore di lavori in palestra.

Entrambi avevamo pensato che per lui sarebbe stato un’ottima scelta iniziare a fare network marketing, in quanto il suo lavoro gli permetteva di essere in contatto continuo con la gente. Inoltre alcuni dei prodotti che la nostra azienda aveva in catalogo venivano consigliati a chi fa attività fisica.

Anche lui come me era molto motivato e non perdeva tempo. Al suo primo mese era riuscito a fare un profitto di ben 200 euro, in più si era ripagato anche l’autoconsumo ( 70 euro circa). Il secondo e il terzo mese i risultati erano anche leggermente superiori.

Entrambi eravamo molto contenti per i suoi risultati. Finchè un giorno Angelo non mi disse che non intendeva più promuovere i prodotti della nostra azienda.

La sua motivazione era di aver trovato degli integratori più economici su internet (comprando all’ingrosso) e a conti fatti sarebbe riuscito quasi a raddoppiare i suoi guadagni, a scapito di un lievissimo calo della qualità.

 

Diceva che lui lavorava duro, per quello che si impegnava si meritava di più.
Io ci sono rimasto male, visto che uno dei miei migliori venditori se ne andava, ma non potevo fare altro che capire il suo punto di vista ed augurargli buona fortuna.

L’errore l’avevo commesso io: 

Non avevo trasmesso ad Angelo l’importanza della duplicazione.

Dato che la vendita dei prodotti al dettaglio gli riusciva abbastanza bene, per lui il network era quello. Io dal canto mio, entusiasta dal vedere comunque dei volumi di vendite, avevo paura a fare dei cambiamenti nel suo modus operandi.

Da allora ho capito qual’è l’errore più grande che commette una persona che fa network marketing part time…

 Concentrarsi sulla vendita dei prodotti al dettaglio.

Proprio per la mancanza di tempo il networker part time deve concentrare le sue forze sulla costruzione di un team. Non dico che non deve vendere prodotti, sarebbe assurdo (oltre che illegale per la legge italiana.)

Ho notato che dedicare un 80% del tempo al network (cioè al reclutamento) ed il 20% alla vendita al dettaglio sia una buona combinazione – in particolare in questa fase della carriera del lavoratore a tempo parziale.

I consumatori sono importanti, ma se fai network marketing part time devi cercare di delegare il più possibile la vendita al dettaglio ai tuoi collaboratori – altrimenti non vedrai l’effetto leva.

Ovviamente qui entra in gioco anche il tuo sponsor ed eventualmente il suo upliner, questi dovranno essere più presenti del solito.

 

Capisci quanto potrebbe essere problematico se anche loro come te fanno network marketing part time ?  

 

L’importanza della gestione del tempo.

Se fai network marketing part time devi saper organizzare e gestire il tuo tempo molto meglio dei tuoi colleghi che ci lavorano full-time.

Non puoi permetterti distrazioni o scostamenti dal tuo programma – lusso che un networker a tempo pieno può a volte concedersi senza avere gravi ripercussioni.

Ci hai mai fatto caso di quanto le varie attività di svago e divertimento creano dipendenza? Se ci aggiungiamo un bel lavoro di 8 ore al giorno ed inizi a fare troppi fuori programma, ti scorderai della tua attività di network marketing e manderai a quel paese anche il poco che hai raggiunto fino a quel momento.

Dedica almeno 1 ora al giorno, 6 giorni su 7 alla settimana per la tua attività di network.

Ok, ma c’è un modo per trovare un buon equilibrio ?

E’ fondamentali costruire una routine giornaliera. Quello che consiglio generalmente è di non fare delle interruzioni tra le tue due attività lavorative. Se finisci il tuo lavoro principale alle 17 dedicati al network dalle 17 alle 18, oppure un’ora prima di andare al lavoro. In questo modo non dovrai nemmeno rinunciare alle attività ricreative.

Facciamo qualche conto, se dedichi 6 ore alla settimana al network , 6×4 fa 24 ore al mese.

Se guadagni 200 euro al mese, questo vuol dire che ogni tua ora dedicata al network marketing ti porta in cassa 8,3 euro. 

Quindi ogni ora che tu passi davanti a Facebook, Tweeter, tv, ecc.. ti costa 8,3 euro. Se tieni ciò ben in mente, vedrai che troverai molto più facilmente quel ora dedicata alla tua attività di network marketing – sottratta dalle varie distrazioni.

Utilizza strumenti salvatempo.

Come ti ho spiegato poche righe fa in quel ora di tempo che dedichi al network dovresti concentrati sul reclutamento. Ma lo sai anche tu che il tempo vola, bisogna quindi massimizzare al massimo la produttività di questi 60 minuti. Non puoi pensare di spiegare tutta l’attività ai tuoi potenziali clienti.

Il consiglio che do ai miei collaboratori part time è di fare una veloce introduzione, dalla durata di non più di 5 minuti, e poi cercare di “vendere” l’appuntamento al seminario aziendale.

Il seminario è lo strumento salvatempo per eccellenza. I tuoi potenziali clienti inoltre vedono fin da subito che stai facendo qualcosa di grande ed organizzato.

Altri strumenti salvatempo sono…

Blog: aprire un tuo blog può darti un’autorevolezza tale che saranno gli altri a voler approfondire il discorso.

Autoresponditore: quando lo imposti e colleghi al tuo sito diventa in pratica la tua segretaria, all’interno del mio video corso Sponsorizzazione Semplicace come bonus omaggio concedo 20 minuti di consulenza su skype per aiutarti a configurare l’autoresponder Getresponse.

Video: se fatti bene possono farti risparmiare parecchio tempo in quanto spiegano già il grosso della tua attività.

E ce ne sono ovviamente tanti altri.

Conclusioni

Dedica almeno 1 ora al giorno, concentrati sulla sponsorizzazione, sfrutta gli strumenti che hai a disposizione e vedrai che otterrai degli ottimi risultati.

Ciaoo e buon business!